Breaking News, In evidenza, News

Coppa Italia, il Crotone batte l’Arezzo e accede al terzo turno

non ci sono tag |
Scritto da

CROTONE: Cordaz; Bellodi, Spolli (70’ Gigliotti), Golemic; Rutten (56’ Mustacchio), Benali, Barberis, Zanellato, Molina; Simy, Messias (69’ Zak). disp: Festa (GK), Figliuzzi (GK), Cuomo, Panza, Evan’s, Crociata, Gomelt, Itrak, Nanni. All. Stroppa
AREZZO: Pissardo; Luciani, Borghini, Baldan, Masetti; Foglia, Basit; Belloni (83’ Mesina), Cheddira, Zini (60’ Volpicelli), Rolando (53’ Caso). A disp: Daga (GK), Mosti, Buglio, Maestrelli, Bruschi, Buzigotti, Sussi, Raja, Tassi. All. Di Donat
ARBITRO: Pezzuto di Lecce
MARCATORI: 1’ Barberis (C), 7’ Simy (C), 10’ Borghini (A), 17’ Belloni (A) su rigore, 23’ Zini (A), 33’ Golemic (C), 74’ Zak (C)
AMMONITI: 16’ Bellodi (C), 20’ Rutten (C), 25’ Rolando (A), 79’ Benali (C), 81’ Luciani (A), 95’ Volpicelli (A)
SPETTATORI: 4.400

Il Crotone batte l’Arezzo nella prima gara ufficiale della nuova stagione e accede al terzo turno della Coppa Italia. Iniziano bene gli squali che dopo appena 50 secondi si portano in vantaggio con un potente diagonale di Barberis. Trascorrono solo 6 minuti e il Crotone raddoppia con un destro chirurgico di Simy che dal limite dell’area batte Pissardo. Sembra tutto in discesa per i rossoblù ma non è così: l’Arezzo riesce subito ad accorciare le distanze (11’) con Borghini che raccoglie da calcio d’angolo ed è bravo a trovare la via della rete. Al 16’ il signor Pezzuto fischia un fallo dubbio di Bellodi in area su Cheddira: sul dischetto va Belloni, Cordaz intuisce ma non può nulla e gli ospiti pareggiano. Grandi ritmi nonostante il caldo e al 23’ la squadra di Di Donato si porta in avanti con Zini che insacca a porta vuota dopo la respinta di Cordaz su Cheddira. Gli squali non ci stanno e cercano subito di rimettere le cose in equilibrio ma Pissardo compie due grandi interventi su Molina prima e Simy dopo. L’appuntamento con la rete è soltanto rimandata di qualche minuto ed arriva al 33’: colpo di testa di Zanellato respinto da Pissardo, raccoglie Golemic che di destro insacca alle spalle del portiere ospite.
Dopo un primo tempo abbastanza rocambolesco e ricco di gol, nella ripresa le due squadre sembrano accusare un po’ di stanchezza iniziale ma poi sono i padroni di casa a prendere il sopravvento con una serie di occasioni per portarsi sul 4-3 che non si concretizzano per un soffio, due volte con Simy che sfiora la traversa e successivamente con Molina che si vede ribattere il tiro a botta sicuro su perfetto invito dalla destra di Mustacchio subentrato al 56’ a Rutten. Al 69’ esordio tra i professionisti per un crotonese doc, Zak Ruggiero – classe 2001 e prodotto del settore giovanile rossoblù – accolto dagli applausi d’incitamento dello Scida. Pochi secondi dopo problemi fisici per Spolli che è costretto a lasciare il campo a Gigliotti. Ancora pitagorici vicini alla realizzazione con Benali (73’), ma il suo diagonale fa la barba al palo. Il gol arriva, finalmente, un minuto dopo e a siglarla è proprio il più giovane in campo, Zak, al quale bastano poco meno di 300 secondi dall’ingresso in campo per trafiggere di testa Pissardo su assist di Molina dalla sinistra. Il finale di gara è tutto per i ragazzi di Stroppa che hanno diverse opportunità per incrementare il vantaggio ma alla fine il risultato non cambia più e dopo 5 minuti di recupero termina 4-3 per i rossoblù: gli squali, nel terzo turno eliminatorio della competizione, ospiteranno allo Scida la Sampdoria.