Lega B, Gualtieri ad Abete: insieme per riformare il sistema calcio

News

Intervento del vicepresidente della LNPB Salvatore Gualtieri questa mattina a Roma all’assemblea elettiva della Federcalcio, chiamata a confermare Giancarlo Abete al timone della massima istituzione calcistica.In rappresentanza della Lega Serie B, che nell’assemblea del 28 dicembre aveva accreditato la candidatura proprio di Abete alla presidenza federale, Gualtieri ha portato il saluto di tutte le 22 Società associate, ricordando come questa sia la prima volta di un’Assemblea federale elettiva per una Lega nata nel luglio del 2010: “Partecipiamo con l’orgoglio, ma anche e soprattutto con la consapevolezza del nostro ruolo, dei valori e degli obiettivi su cui dobbiamo fondarci e basarci”.
Gualtieri ha ricordato i punti di forza della Lega Serie B, “che sono innanzitutto quelli di una Lega unita, forte, strutturata, moderna”, cardini attraverso i quali ha, grazie alla coesione delle proprie società, il lavoro della struttura dirigenziale e lo straordinario apporto del suo ex presidente Andrea Abodi, saputo ritagliarsi un ruolo e un posizionamento ben preciso all’interno del sistema calcistico italiano”.
“Lo ha fatto rispettosa delle istituzioni sportive, della centralità della Federazione Italiana Gioco Calcio, a cui riconosce le prerogative e le responsabilità che il comitato olimpico le ha attribuito di guida del sistema calcio e di collettore di tutti i soggetti che lo compongono” ha poi continuato Gualtieri, il quale ha sottolineato poi il compito fondamentale e insostituibile della Lega Serie A e la necessità di una collaborazione sempre più proficua con le altre leghe e le componenti tecniche, Aic, Aiac “che svolgono un ruolo irrinunciabile e con cui in questi due anni abbiamo camminato a fianco e raggiunto tanti traguardi, come l’Accordo Collettivo, il Fondo di Solidarietà, il percorso formativo per calciatori”. Quindi l’Aia “per cui il senso di rispetto e di affermazione del ruolo della classe arbitrale è stato continuo, sia in sede istituzionale, sia nel livello di dialettica, rispettoso e mai sopra le righe”.
“Le garantiamo lo stesso atteggiamento di rispetto – ha assicurato poi in conclusione Gualtieri ad Abete – certi che il nostro sistema necessiti di riformarsi e di svilupparsi (in alcune aree anche in modo profondo) ma che questo lavoro lo dobbiamo e possiamo fare solo assieme. Ognuno con le proprie prerogative e peso specifico, ma in un’ottica costruttiva rivolta all’interesse generale e non particolare, che non sempre il sistema ha avuto in passato. Ma che i tempi difficili che viviamo, impongono”.

© 2020 F.C. Crotone Srl
Powered by IDEMEDIA®